EMI, Editrice Missionaria Italiana, è nata nel 1973, adottando il marchio preesistente che fin dagli anni ‘50 contraddistingueva progetti editoriali in comune tra Missionari del Pime, della Consolata, Saveriani e Comboniani. Il suo obiettivo è mettere in atto, nella forma editoriale, l’attività missionaria intesa come annunzio e anticipazione, già su questa terra, del regno di Dio inaugurato da Gesù.

Per questo, i suoi vogliono essere “libri per cambiare il mondo” (e la Chiesa stessa), assumendo il punto di vista dei Sud e delle Periferie della storia. Il sogno è quello di un pianeta più equo e salubre, i cui abitanti diano vita a società attente ai diritti di tutti, nonviolente e rispettose del creato, dove il dialogo tra le culture e le religioni si pratichi al quotidiano; società aperte, in cui si adottino nuovi stili di vita − non più consumistici, predatòri e individualisti − e si respiri una spiritualità significativa per il nostro tempo.

Parole per cambiare il mondo

Da tale visione, ampia ma non generica − e inclusiva − discende l’organizzazione delle collane, che spaziano da quelle di carattere teologico, biblico o antropologico a quelle imperniate sulle nuove frontiere dell’educazione o sulla qualità della vita.

Similmente, vari sono i generi letterari in cui tutte queste proposte si presentano: saggistica e biografie, testimonianze e guide pratiche, narrativa e inchieste, libri per i bambini.

Negli anni, EMI ha così pubblicato testi come Nunca más (il rapporto sui desaparecidos in Argentina) o Battesimo di sangue (la drammatica testimonianza di Frei Betto sotto la dittatura in Brasile) e, per restare in Sud America, i documenti della III Conferenza generale dell’episcopato latinoamericano (Puebla 1979) in anteprima mondiale. Dall’Africa, autori di prima grandezza come Jean-Marc Ela e Joseph Ki-Zerbo; dall’Asia, testimonianze di martiri cinesi o accattivanti meditazioni come quelle che oggi ci offre il dinamico cardinale di Manila, Luis Antonio Tagle.

Lettera ad un consumatore del Nord ha inaugurato, nel 1990, il filone delle preziose pubblicazioni di Francesco Gesualdi e del suo Centro Nuovo Modello di Sviluppo, tra cui la Guida al consumo critico, mentre a partire dagli stessi anni Novanta prendevano consistenza le collane sui nuovi stili di educazione curate dal CEM Mondialità. Su tutti spiccano La pedagogia della lumaca e A scuola dalla lumaca di Gianfranco Zavalloni.

L’elezione di Jorge Mario Bergoglio a vescovo di Roma ha inaugurato una nuova stagione. Con il primo papa «missionario» dell’epoca moderna, EMI ha ottenuto un implicito riconoscimento alla sua linea editoriale «alternativa». Oltre a pubblicare i primi titoli in Italia di e su papa Francesco, l’editrice ha ritrovato nuova motivazione per riproporre autori e temi relativi alle «periferie esistenziali», metaforiche e concrete, dell’umanità.

Negli ultimi anni, alla pubblicazione dei libri si è aggiunta inoltre la realizzazione di mostrespettacoli teatralieventi laboratori formativi.

I nostri soci

Comunità Missionaria di Villaregia
Congregazione delle Missionarie dell’Immacolata
Istituto delle Suore Missionarie Pie Madri della Nigrizia
Istituto Missionari di Maria SS. Consolata
Pia Società di San Francesco Saverio per le Missioni Estere
Provincia Italiana della Società delle Missioni Africane
Santuario Montagna Spaccata di Padre Costantino Coppola
Società Missionaria di Maria
Alberto Cattaneo
Fabrizio D’Angelo
Giovanni Dotti
Marco Dotti
Marcello Esposito
Gianmatteo Terruzzi

Scopri i nostri numeri, scarica l’opuscolo informativo