L'articolo "definitivo" sul virus? È di Gaël Giraud

Secondo il Corriere della Sera, è dell'autore di Transizione ecologica l'articolo "definitivo" sul mondo prima e dopo il virus. 

Il Corriere della Sera lo definisce "un saggio formidabile", "l'articolo definitivo sul mondo pre e post virus". Il suo autore è Gaël Giraud, gesuita ed economista di fama internazionale che ha firmato il testo su La Civilità Cattolica.

Giraud, Direttore di ricerche al Centre national de la recherche scientifique, ha scritto per noi Transizione ecologica, libro su "la finanza a servizio della nuova frontiera dell'economia", e un intervento su finanza e cura del creato nel libretto Curare madre terra.

Pubblichiamo di seguito alcune righe tratte dal saggio pubblicato su La Civiltà Cattolica e riprese dal Corriere della Sera.

La "lezione" dell'epidemia secondo Giraud

La pandemia ci sta costringendo a capire che non esiste un capitalismo davvero praticabile senza un forte sistema di servizi pubblici e a ripensare completamente il modo in cui produciamo e consumiamo, perché questa pandemia non sarà l'ultima. La deforestazione - così come i mercati della fauna selvatica di Wuhan - ci mette in contatto con animali i cui virus non ci sono noti. Lo scongelamento del permafrost minaccia di diffondere pericolose epidemie, come la spagnola del 1918, l'antrace, ecc. Lo stesso allevamento intensivo facilita la diffusione di epidemie. (...)
 
Molto presto dovremo imparare la lezione di questa dolorosa primavera: riconvertire la produzione, regolare i mercati finanziari; ripensare gli standard contabili, al fine di migliorare la resilienza dei nostri sistemi di produzione; fissare una tassa sul carbonio e sulla salute; lanciare un grande piano di risanamento per la reindustrializzazione ecologica e la conversione massiccia alle energie rinnovabili. (...)
 
Benvenuti in un mondo limitato! Per anni, i miliardi spesi per il marketing ci hanno fatto pensare al nostro pianeta come a un gigantesco supermercato, in cui tutto è a nostra disposizione a tempo indeterminato. Ora proviamo brutalmente il senso della privazione. È molto difficile per alcuni, ma può essere un'occasione. (...)
 
 
 
 
  • Pubblicato in: News
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter

* E-mail:
* Nome e cognome: